Crisi greca e profughi al Teatro Palladium, l’11 maggio

di Malvi Commenta

La crisi greca e il dramma dei profughi saranno al centro dell’evento in scena mercoledì 11 maggio al Teatro Palladium di Roma. Dopo il debutto di martedí 10 maggio alle ore 20.30 dello spettacolo Tefteri, il libro dei conti in sospeso/la crisi greca a suon di Rebetiko, adattamento teatrale dal libro di Vinicio Capossela di e con Angeroula Pitsaki, attrice e regista greca di Chios, si rinnova quindi l’appuntamento per un altro interessante approfondimento su una questione più che mai di attualità.

Da anni infatti la Grecia vive una situazione economico e politica davvero drammatica e molti sono coloro che hanno perso tutto, speranze comprese. Ecco allora che nell’evento organizzato al Teatro Palladium, si dibatterà su questo argomento per cercare di capire quali scenari futuri aspettano i cittadini greci. C’è speranza di venire fuori da una crisi che sembra essere senza fine?

Nel dibattito che prenderà il via alle 20.30 interverranno alcuni esperti Patrizio Nissirio, Dimitri Deliolanes, Teodoro Andreadis Synghellakis e Francesco Anghelone. A moderare ci sarà invece Federica Margaritora. L’evento, sostenuto tra l’altro dalle Ambasciate Grecia e Cipro e dalle Comunità Elleniche, ha lo scopo di convogliare l’attenzione sulla crisi in atto ma anche sulla cultura ellenica contemporanea, partendo da voci che toccano con mano la situazione da tempo e continuativamente se ne occupano. Un appuntamento da non perdere per riflettere su alcuni dei temi più importanti che non sono nemmeno troppo lontani da noi. L’evento parte da Roma ma si propone di toccare, nei prossimi mesi, anche altre città di Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.