Ristorante da Otello a Roma protagonista al Festival di Berlino

di Malvi Commenta

Il ristorante da Otello a Roma è da sempre stato luogo di incontro tra registi e giovani produttori e così è da sempre: dal dopoguerra questo ristorante, situato nel cuore della Capitale, ha sempre ispirato artisti di vario genere. E non stupisce dunque che ancora una volta questo locale abbia ispirato un nuovo documentario che sarà presentato al Festival di Berlino proprio questa settimana.

Ennio Fantastichini

Il Segreto di Otello, è questo il nome del documentario che sarà presentato il 12 febbraio, raccoglie le testimonianze di moltissimi personaggi che, proprio in quel ristorante, hanno avuto incotnri importanti, chiuso collaborazioni e hanno visto nascere nuovi progetti. E’ questo il caso di Citto Maselli che, intervistato per il documentario, dice:

C’era una signorina seduta al tavolo accanto e io dissi: ma come pensa di fare il cinema quella là? Sbagliai completamente. Era Sofia Loren

E a lui fanno eco Robert De Niro, Ettore Scola, Ennio Fantastichini, Donovan oltre che il grande Mario Monicelli, Pete Seeger e Armando Trovajoli. Ma Il Segreto di Otello non è solo la raccolta di testimonianze da parte di coloro che da quel ristorante sono passati. E’ un documentario che vuole raccontare le storie che tra quei tavoli hanno avuto vita. Il Segreto di Otello è il primo documentario che vede Andrea Sisti, nipote di Otello, nelle vesti di produttore cinematografico. La pellicola, prodotta per la Andrea Sisti Productions con il supporto di Roma Lazio Film Commission, è stata scritta da Silvia Scola e montato da Paolo Maselli. Ancora una volta, insomma, il ristorante da Otello torna protagonista consacrandosi come uno dei locali storici di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>