Da Upim verso Oviesse e Coin: inizia la riconversione

di Nicoletta 2

 Le insegne dei grandi magazzini Upim cedono il posto gradualmente a quelle di Oviesse e Coin. Succede, ad esempio, alla Upim di via Ravenna a Roma, nella zona di piazza Bologna. Dopo aver quasi svuotato nel mese di gennaio negozio e magazzino con saldi fino al 70%, questo punto vendita ha chiuso e riaprirà il 10 di marzo, dopo una ristrutturazione totale che lo sta preparando ad assumere lo stilyng del brand OVS Industry, ossia dei grandi magazzini Oviesse, appunto. La Upim, del resto non è nuova ai cambiamenti e nemmeno rivoluzioni…

Questa catena italiana di grandi magazzini di fascia media nata nel 1928, la Upim, per quarant’anni è stata nell’orbita de La Rinascente, per poidiventare, dal gennaio 2010, di proprietà del Gruppo Coin, che l’ha acquisita dal Gruppo Investitori Associati/Pirelli Real Estate/Deutsche Bank/Borletti. Cambiano così proprietà circa 150 negozi diretti e circa 200 in franchising diffusi sul territorio italiano più un grande magazzino a Tirana, in Albania, e un punto vendita a Victoria, sull’isola di Malta. Il primo negozio  Upim fu aperto a Verona nell’ottobre del 1928, con il marchio UPI, un acronimo che alludeva a “Unico Prezzo Italiano”. Per distinguersi da un’omonima agenzia di pubblicità preesistente, fu agginta la M finale. Via via i punti vendita sono aumentati di numero e di diffusione sul territorio. Nel 1934 si contavano già 25 magazzini Upim, nel 1942 erano 52 e nel 1959 erano ben 77. Una curiosità: al loro interno si praticava un unico prezzo perché così all’entrata si ritiravano dei tagliandi corrispondenti al numero di oggetti da acquistare. Tutto questo per evitare i furti.

Con l’acquisto da parte del Gruppo Coin, formalizzato nel dicembre 2009, viene a terminare una storica rivalità  del panorama commerciale italiano che vedeva contrapposti nella fascia medio-alta dei grandi magazzini: la Rinascente e Upim da una parte e Coin e Oviesse dall’altra. Questo passaggio di proprietà sta comportando un passaggio della maggior parte dei punti vendita dall’insegna Upim a quelle Coin e Oviesse. I punti vendita in franchising, invece, rimarranno tali, senza subire alcuna trasformazione.

Photo Credit: Ponsi infissi

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.