Imperdibile Marilyn, a Roma la mostra sulla più amata star di Hollywood

di AnnaMaria Commenta

Marilyn Monroe è sicuramente l’icona del mondo di Hollywood. La più bella, la più misteriosa, la più sensuale ma anche la più tormentata tra le attrici holliwoodiane. La mostra “Imperdibile Marylin“, a Roma fino al 30 maggio, celebra proprio la sua fama e la sua bellezza.

Se le vicende della sua vita no l’avessero spezzata per sempre, Marylin avrebbe compiuto quest’anno, il 1 giugno, novant’anni e la mostra di Palazzo degli Esami vuole celebrare il suo mito senza tempo, che resterà nella storia del cinema, attraverso l’esposizione di 150 oggetti personali, molti dei quali provenienti dalla sua casa di 5th Helena Drive in Brentwood, California, lasciati al suo maestro di recitazione e mentore Lee Strasberg.

> 3 EVENTI A CUI PARTECIPARE A ROMA IL 2 GIUGNO

La mostra raccoglie vestiti, accessori, oggetti personali, articoli di bellezza, documenti, lettere, appunti su quaderni, contratti cinematografici, oggetti di scena e spezzoni di film. E non mancano anche le stupende fotografie della dive, inediti e originali della stampa di uel periodo, e quelle scattate dai più celebri fotografi che la hanno immortalata, da Milton Greene, Alfred Eisenstaedt,fino a George Barris e Bernt Stern, che poco prima della sua morte le fece un servizio fotografico per Vogue.

> MOSTRE A ROMA

La mostra “Imperdibile Marylin” ci racconta una Norma Jeane mai vista prima, in ogni sfaccettatura più privata. Sono raccolti infatti più di 300 oggetti che appartennero a lei e che sono stati prestati alla mostra dai diversi collezionisti internazionali. Il visitatore, messo a stretto contatto con la quotidianità della diva, può così apprezzarne anche la storia più intima, la storia di una donna sempre controccorrente, determinata ma dall’anima fragile e delicata.

La mostra è anche un’occasione per scoprire il mondo del vintage. Ci sono infatti abiti, oggetti e prodotti di grandi marchi che hanno fatto storia: da Dior a Tiffany, da Chanel a Cartier, a Pucci fino a Lazlo e Dom Pérignon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>