Natale Roma 2010, un cappotto elegante ci salverà dalla morsa del gelo

di Nax 4

Natale Roma 2010, torna di moda la..cappa.

No, non stiamo affrontando il pur spinoso argomento legato al mondo delle cucine e lavelli, soprattutto prima di servire in tavola, allorché si tengono due o tre ‘fuochi’ accesi in contemporanea. Bensì di moda. Femminile.. claro!!

Già perché qui si strizza l’occhio al retrò, al bohemien. Varie forme, per giunta: a uovo, a coperta, dritta, drappeggiata e bordata di lana o pelliccia.
Albino, per esempio, la vuole scampanata ed in fantasie diverse, vistose.

Maurizio Pecoraro, da par suo, la propone in shantung con richiami a fantasie magiche. Blugirl, invece, la accosta ad atmosfere minimal, candida e assai corta.
Aigner, infine, punta su una miscellanea cappa-cappotto.
Qui, poi, veniamo al pezzo da novanta. Proprio l’antico soprabito quest’anno pare vada davvero per la maggiore. Fa un freddo boia (con la neve di ieri, poi, a Roma abbiamo davvero raggiunto temperature degne di Bolzano) ed il capo si presta sul serio a non far perdere eleganza in nome della pur giusta esigenza di preservarsi dalla ‘pizzicata’ quotidiana per via del gelo di questo periodo.

Laura Biagiotti e Massimo Rebecchi, in tal senso, ci offrono una gamma di offerta mirabile. Linea egg bianca per lei, verde foresta con rifiniture a contrasto sul bavero in pelle per quest’ultimo. Insomma: chi più ne ha più ne metta. Altro che calo degli ordini a Natale. Eppoi Rocco Barocco. Eddai che non poteva affatto mancare. Color avion in testa. Ma Salvatore Ferragamo? Via, allora, alle maglie in trama serrata ed intrecci tridimensionali.

Su su, che quanto ad idee siamo messi mooolto, ma mooolto bene. Fatevi allora un giro lungo le vie dello shopping. D&G, infine, puntano dritto dritto in Norvegia. Caspita, che profezia. Stai a vedere che i due stilisti tra i più famosi al mondo, prima di mettersi al tavolo hanno scandagliato i notiziari meteo per una mesata, provando sul serio a giocare d’anticipo. Oh, ma avete sentito che freddo? Perché, allora, rinunciare ad essere fashion pur di ripararsi? Cerchiamo, per una volta, qualcosa che salvi capra e cavoli?

Photo Credit|Riviera24

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.