Stadio di Domiziano, al via un convegno sulle badanti

di Malvi Commenta

Giovedì 27 ottobre a Roma, alle ore 10:30 presso lo Stadio di Domiziano (via Tor Sanguigna 3 – adiacente piazza Navona) avrà luogo un convegno organizzato dal Codacons dal titolo Le badanti queste sconosciute.

SAN GALLICANO ROMA, VISITE GRATUITE PER LA GIORNATA MONDIALE PSORIASI

Un appuntamento che vuole accendere i riflettori su alcune figure professionali che, almeno in Italia, sono sempre poco “chiare”. E’ il Codacons a avere realizzato una apposita ricerca, attraverso la quale si è indagato su vari aspetti del complesso mondo di colf e badanti: dalle modalità attualmente utilizzate per il reclutamento agli aspetti legati ad assunzione, copertura assicurativa, versamento dei contributi, indennità di malattia, infortuni che sono spesso avvolti dal mistero. E la medesima ricerca ha messo anche in evidenza tutta una serie di aspetti che a oggi sono poco chiari.

MAI PIÙ SPOSE BAMBINE, APPUNTAMENTO IN S. MARIA IN TRASTEVERE

Si stima che in Italia ad oggi siano circa 1,5 milioni le persone che di professione si dichiarano colf e badanti e la maggior parte sono provenienti prevalentemente dall’Est Europa ed in particolare dalla Russia, dall’Ucraina e dalla Romania; di queste, solo il 40% dispone di un regolare contratto di lavoro; il 22% non ha contratto ma solo il permesso di soggiorno; le altre vivono nella totale irregolarità. Trovare una badante italiana dunque è cosa assai rara, sembra che sia questa una professione rivestita solo da signore dell’est. Di questo e anche di molto altro si parlerà al convegno di questa mattina al quale interverranno numerose persone. Il convegno è organizzato in collaborazione con il Forum Ania Consumatori.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.